Parliamone ...

Il randagismo canino

Gianni Tadolini

IL RANDAGISMO CANINO FRA TRAGEDIA E METAFORA

Saggio introduttivo di Giacomo Foglietta

Scheda di Emanuela Brancato

Edizioni Eva, 2014 - Collana IBIS n. 7

Pagine 51 - € 10

______

Dal capitolo d'apertura, pag.16

______

... Scopo di questo saggio è dunque quello di sensibilizzare il cittadino italiano, di indurlo all’assunzione della responsabilità che gli compete verso il cane. Da migliaia di anni ci siamo accostati a questo animale, togliendolo al suo ambiente naturale, sfruttandone i sentimenti, pretendendo fedeltà ed obbedienza: il cane ha risposto con un patto di solidarietà che non sarà certo lui a sciogliere. A questo punto non possiamo essere noi umani a tradire il cane, anche quando non abita nelle nostre case o fa la guardia ai nostri giardini. Non possiamo tradirlo, quando si affaccia intriso di pioggia all’angolo di una strada, con le costole ormai visibili per la lunga denutrizione; quando cerca ansimante un sorso d’acqua nelle roventi estati canicolari dell’altopiano pugliese; quando giace con una zampa spezzata al ciglio di una strada, travolto dall’arroganza tecnologica di quell’altro mammifero, superficiale ed impietoso, che si chiama uomo.

Se il randagismo canino, anche in Italia, deve essere considerato propriamente tragedia, per la copiosa vibrazione di dolore che espande e riverbera su tutto l’ambiente, fin dentro le nostre accoglienti dimore, non di meno può essere assunto a metafora, per ciò che insegna alla nostra specie: il randagismo canino, metafora di ogni emarginazione e di ogni sopruso del forte sul debole, ci sia di monito perché della nostra insensibilità e grettezza di fronte al grido di dolore della natura dovremo un giorno rendere conto.

Gianni Tadolini  (Forlì - Cassano delle Murge, 2014)

Commenti più recenti

07.09 | 19:27

Caro Gianni sono assolutamente d'accordo!! Grazie per ques...

30.01 | 04:45

Dove si trova questo centro reumatologico?

17.11 | 08:19

Da anni soffro di fibromialgia , all'inizio è stata la cosa pe...

25.09 | 11:40

Buongiorno Gianni, ho letto il tuo articolo presente sul tuo sito in merito la...